Ultima chiamata per il mio volo.

Domani pomeriggio, alle 16.50, volerò per Londra. Sarà la mia terza volta nella capitale britannica. L’ultima fu a Marzo del 2009, proprio quando nasceva dentro di me il sentimento più grande che abbia mai provato verso un altro essere umano. Ed ora andrò lì, con un cuore più ricco d’esperienze, più forte, e con qualche cicatrice ancora da sanare. Lasciatemi dire che sono un coglione. Ho creduto fino alla fine ad una cosa che, probabilmente, non è mai esistita. Ho creduto solo ed esclusivamente io in quella che, ormai, si è rivelata una semplice brezza, capace di travolgermi come un uragano. Aria. Astratta, inconcreta, intoccabile, percepibile solo coi polmoni, e non col cuore. Non piango, ho dimenticato come si fa. Non mi dispero e non mi sconvolgo, dopo tutto questo tempo mi sono abituato ad aspettarmi qualsiasi cosa. Non voglio dedicare altre parole all’argomento, bastano e avanzano tutte quelle che ho sputato da più di un anno a questa parte qui sopra. Non mi resta altro da fare che metterlo un pò in culo a tutta quella gente lì fuori che non crede in me, e che non mi reputa all’altezza di conseguire una carriera universitaria. E’ giunta l’ora definitiva di dimostrare a tutti quanto valgo. Non ho minimamente sonno, ma mi tocca buttarmi su quel letto, e cercare di dormire. La sveglia suonerà alle 10.30, e mi toccherà avviarmi all’aeroporto poco dopo le 14. Che Dio me la mandi buona, sperando di vivere quattro giorni indimenticabili. Un pò come questi.

“Che dire se abbandonassimo ogni momento
che invece potevamo trascorrere insieme.

E la canzone perfetta finirà con l’essere
l’ultima canzone che sentirai,
e non saprai dove si sentirà.

L’ultima canzone che sentirai
è l’unica che abbiamo fatto.
Questa canzone è bella,
ed ecco perché la canto.

Ma questa canzone è la nostra canzone,
che suona fino alla fine,
anche se è l’ultima.
L’ultima canzone.

Cosa dire se tu sprecassi il nostro amore,
e nel tempo poi sparisse.
E la canzone triste finisce con l’essere
l’ultima canzone che tu sentirai.

E’ la nostra.”

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...