E’ uno spreco di emozioni. Seriamente!

Eccolo lì, il mondo che va avanti. Ti si spiattella in faccia a forza, con i giorni che passano mentre tu perdi la cognizione del tempo in quel mondo tutto tuo in cui hai addestrato la mente a vedere tutto rosa.

E’ il mondo reale, quello che gira intorno al sole con la luna che gli fa compagnia.

Si dice che chi si ferma è perduto, ed io non mi sono decisamente fermato. Anzi, sono scappato. Via, da quei mostri crudeli a cui tanto piaceva giocare col mio ego. Tanto da finire quasi a perderlo, quell’ego. Quei fantasmi, la cosa peggiore che possa esistere, che tornano sempre a tormentarti quando sei lì determinato a sbarazzarti di loro.

Credevo nel bene ed ero consapevole dell’esistenza del male. Ho avuto l’onore di conoscere entrambi, ed ho accolto il primo ingenuamente ed il secondo proprio come una persona ingenua può fare. A volte può essere traumatico scoprire i lati più oscuri di chi ammette di amarci.

Ed è a quel punto che scappi, perdendoti proprio nella loro oscurità colorata di blu elettrico. Corri alla cieca, trovando rifugio nel tuo mondo in cui nessuno può farti del male, tra futili distrazioni e flashback appannati di quei brutti ricordi dai quali scappi via. Sfoggiando sorrisi a testa alta che coprono respiri profondi di auto incitamento.

Scappando via ho ritrovato quell’ego perso, scoprendo di non averlo mai davvero perso ma di averlo messo soltanto da parte. Ho ritrovato la persona che ero, e di conseguenza la libertà.

La libertà è uno stato mentale in cui niente e nessuno può condizionare le tue scelte, il tuo stato d’animo, i tuoi sorrisi, le tue lacrime. Essere liberi vuol dire emozionarsi ancora. Sognare di nuovo. Sorridere spontaneamente. Sentirsi vivi. Essere padroni di se stessi e delle proprie emozioni.

Sono libero, e non è quella libertà sinonimo di spensieratezza che tutti, ingenuamente, cercano di raggiungere pensando che esista davvero. E’ libertà razionale, quella in cui ti senti fortunato per quello che hai, sentendoti più forte quando casualmente dai un’occhiata indietro e pensi a tutto quello che hai passato, avendo il pieno controllo sulle tue emozioni. Saper dire a quei fantasmi quando è il caso di andare via. E riderci su.

Sto trascorrendo un weekend lungo ai limiti della spensieratezza più assoluta con i miei genitori, e non potrei immaginare niente di più bello al momento. Anzi, credo che sia proprio la cosa più bella in generale.

Bene e male. Mostri, fantasmi, trip mentali e compagnia bella. Quanta tristezza sprecata per un mondo che infimamente va avanti, pieno di deboli da compatire che la forza di correre, scappare via e ritrovare se stessi da soli non possono neanche sognarla. Che si rifugiano dietro a nuove pseudo emozioni fatte di finte convinzioni ed inconsci rimpianti.

Sono felice. Non c’è niente che vada effettivamente male. La vita è in salita. Ed ho seriamente la famiglia migliore del mondo.

E questo, baby, è il mondo che resta.

Annunci

One thought on “E’ uno spreco di emozioni. Seriamente!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...